mastehead

Impariamo dai nostri errori, vediamo come ottenere migliori prestazioni in gara, con una corretta gestione delle forze e dei tempi. Il ciclismo è uno sport di fatica, ma anche di testa.

Tutti i nostri abbonati possono accedere gratuitamente a questo servizio.

Ciao Luca,

ho fatto il primo Criterium Cittadino, ho fatto il primo giro (su 23) in prima posizione, poi si è creato un gruppetto di testa, di cui facevo parte, con cambi regolari (ma un componente non dava cambi), fino al giro n.14 in cui ho bucato.

Può essere colpa del fatto che avevo gonfiato a maggiore pressione i copertoncini?

La gestione della gara andava bene, ero alla soglia ed anche un pò di più, ma ero nel gruppo di testa.

Che ne pensi?

Grazie

Ciao

Quando si gonfiano ad alta pressione i copertoncini è bene partire sempre da un prodotto nuovo, specie se si affronta una gara. Anche in questo caso è bene avere dei copertoncini da gara e da allenamento, con una rotazione quanto mai semplice.

Si montano camere d’aria, in lattice, e copertoncini nuovi prima della gara, finita la gara, diventano i copertocnini e le camere d’aria da allenamento.

Ad una nuova gara si cambiano copertoncini e camere d’aria con altri nuovi e così via.

E’ vero che un copertone e una camera d’aria nuova non garantiscono al 100% la sicurezza di non forare, ma è l’unica soluzione valida da fare e fatta da tutti i team pro che cambiano tubolari sempre ad ogni gara.

Su una gara da 23 giri, l’importante è fare in testa l’ultimo centimetro, non il primo giro!

Faceva bene colui che non dava i cambi, risparmiandosi per il finale.

Mai essere così al limite sin dai primi giri, o km, altrimenti si arriva alla fine che non si hanno più energie.

Foratura a parte (qui è anche questione di fortuna...), un’ottima prestazione, alla prossima gara!

 

 

 

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click