mastehead

Cannondale Supersix Evo 2020 opinioni pareri difetti problemi

cannondale supersix 2020 problemi

Lanciata come fosse arrivata da Marte, spinta come una bici che pedala da sola, forgiata con la sacra criptonite e chi più ne ha più ne metta, una bici perfetta e totale ... quindi inutile che continuate a leggere ...

 

Abbiam già visto le caratteristiche salienti della nuova Cannondale Supersix Evo 2020, qui analizziamo i difetti ed i pregi (pochi).

Il nuovo telaio ha visto aumentare il peso e si vede dai valori, bici da oltre 10milioni di vecchie lire che pesano più di 7kg, stiamo scherzando? No purtroppo ...

Già questo è il primo difetto, con questi valori è impossibile pensare di avere una bici adatta per la salita vera e difficile.

Di contro è migliorata la rigidità e l’aerodinamica, vero must per le bici 2020, anche se non è chiaro quanti watt si risparmiano, sicuramente andrà bene per un pro che viaggia sempre sopra i 50 orari, ma per l’amatore?

Ecco il presupposto è che per l’amatore, che fa la sua puntata per un attimo a 40 km/h e raggiunge i 50 km/h una volta l’anno, tutta questa aerodinamica sia superflua, anzi peggiore di una normale bici leggera.

Tra le altre cose, nei vanatggi aerodinamici della nuova Cannondale, viene indicata una velocità di riferimento di quasi 50 km/h, ma i test non parlano se con o senza atleta, la cosa non è di poco conto, visto che l’atleta con il suo movimento genera dei vortici e delle resistenze che vanno ad influire su tutta la dinamica della bici; problema comune a tutte le bici aero.

Però è da osservare che solo gli assemblaggi top sono realmente curati dal punto di vista aero e solo con gruppi elettronici, altrimenti il passaggio dei cavi non è certamente aerodinamico, i manubri tradizionali stonano con il resto della bici ed anche le ruote non hanno nulla di aero.

Il nuovo manubrio aero, diviso in due pezzi, non è il massimo, credo sia stato realizzato così per contenere i costi di produzione.

I prezzi sono sempre elevati in rapporto alla qualità generale.

Tra gli appassionati c’è chi ha anche criticato i colori e la grafica inesistente. Effettivamente, graficamente, è una bici minimalista, se pure non nel prezzo.

Altro difetto è l’assenza di una versione rim brake competitiva, anzi le poche versioni previste, entry level, non hanno ragione di esistere, costose e per nulla competitive.

Anche le versioni lady sono limitate, ma alla fine il vero problema della bici è la sua competitività.

Non è una bici aero, non è leggera, va sicuramente bene in pianura e collina, ha un’ottima rigidità, ma alla fine ha uno spettro di utilizzo limitato.

Difetto di tutte le bici simil aero, che non sono aero, ne light.

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click