mastehead

FRANCESCA BARONI: TRICOLORE E TRIPLETE

Splende il sole in casa Selle Italia-Guerciotti-Elite. La squadra del presidente Paolo Guerciotti ai Campionati italiani di ciclocross a Schio (Vicenza) sperava di vincere almeno 2 maglie tricolori. Obiettivo centrato: Francesca Baroni, 20 anni, è la nuova Campionessa d’Italia delle under 23 e Jakob Dorigoni, ha conquistato la maglia tricolore degli elite pur avendo solo 21 anni, quindi ancora età e tessera federale da under 23.

 

La stagione crossistica 2019-20 è strepitosa per Francesca Baroni che ha centrato un favoloso “triplete”: ha trionfato in Master Smp, Giro d’Italia e oggi nel Campionato nazionale. E da notare che Francy essendo della leva 1999 potrà gareggiare come under 23 anche nella stagione crossistica 20-21, con la possibilità di centrare altri importanti obiettivi. A Schio la crossista di Massarosa (Lucca) ha preceduto la grande rivale Sara Casasola e la valida Gaia Realini.

 

Dorigoni non conosce la “crisi del settimo anno”. E’ infatti Campione d’Italia per il settimo anno consecutivo. Dopo una maglia tricolore da allievo, due da junior, tre fra gli under 23, l’altoatesino di Vadena ha conquistato al primo tentativo il Campionato nazionale davanti ai più esperti e anziani elite. Va risottolineato: Jakob avrebbe potuto gareggiare a Schio tra gli under 23, forse vincendo il tricolore con più facilità, però ha preferito sfidare professionisti ed elite per svariati motivi. Ora la maglia tricolore la potrà orgogliosamente sfoggiare anche nelle competizioni open, cosa che non avrebbe potuto fare se avesse conquistato il titolo under 23. Jakob a Schio ha battuto il validissimo Gioele Bertolini e sul podio è salito anche il coriaceo Nicolas Samparisi.

 

A Schio la Selle Italia-Guerciotti-Elite ha partecipato anche alla competizione maschile juniores vinta dal vicentino Davide De Pretto. Gabriel Fede, da quest’anno alfiere del team di Guerciotti, è arrivato sesto. Nella corsa under 23 maschile si è imposto il laziale Antonio Folcarelli. Federico Ceolin ha regalato a Guerciotti e al direttore sportivo Vito Di Tano un onorevole quinto posto. Una mega-caduta nella parte iniziale ha condizionato fortemente la gara degli under 23; tra i coinvolti anche Ceolin, bravo a rialzarsi e a finire la corsa in una posizione nobile dell’ordine d’arrivo.

Foto DARIO BELINGHERI

 

 

 

 

X

Right Click

No right click